Montecalvo Irpino

La quaresima è il periodo di quaranta giorni che precede la celebrazione della Pasqua: secondo il rito romano inizia il mercoledì delle Ceneri e si conclude il Giovedì Santo. Sono pratiche tipiche della quaresima il digiuno e altre forme di penitenza, la preghiera più intensa e la pratica della carità. È un cammino di preparazione per celebrare la Pasqua, che è il culmine delle festività cristiane e ricorda i quaranta giorni trascorsi da Gesù nel deserto dopo il suo battesimo nel Giordano e prima del suo ministero. Questo periodo, dal punto di vista ecclesiastico, prevede il digiuno o un solo pasto al giorno; astinenza dal consumo di carni (valgono solo per il mercoledì delle ceneri e per il venerdì Santo).

Per quanto riguarda la leggenda, invece, in alcuni centri d’Italia è mantenuta la tradizione della Quaresima. Camminando tra le strade è facile notare un particolare pupazzo nero sospeso su un filo teso tra balconi o finestre che appare dal nulla nei giorni di Quaresima.

La Quaresima è una pupa di paglia e di stracci raffigurante una vecchia brutta e magra, abbigliata con abiti neri, con la conocchia e il fuso appesi al fianco. Alle gambe della bambola è appesa un’arancia, in cui sono infilate 7 penne di gallina, da sfilarsi una ogni domenica che precede la Pasqua. In genere le penne sono tutte nere, tranne una bianca (l’ultima che resta e simboleggia la domenica di Pasqua). La bambola è la moglie di Carnevale ed è vestita a lutto per la morte del marito, in alcuni centri bruciata sul rogo l’ultima domenica di Carnevale. Azione che indica alla popolazione la fine dei bagordi e l’inizio della Quaresima, tempo di digiuno e di penitenza. Alcune volte si notano, appesi, anche sette piccoli fantocci al fianco della Quaresima. Sono i suoi figli e sono anche le sette settimane della Quaresima.

 

settembre: 2018
L M M G V S D
« mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Slideshow